Saranno Famosi – Martino Longo =)

23 luglio 2015Miky

Saranno Famosi

“Saranno Famosi” è la nuova, “caldissima” sfida del web, nata dalla prestigiosa e importante partnership tra iFood, Inalpi, Festa della Rete e Altissimo Ceto. La sfida vede coinvolti 20 Sous Chef italiani e 20 squadre di food blogger del network iFood.
Ogni squadra, composta da 5 iFoodies e capeggiata da 1 Sous Chef, sfiderà le altre a colpi di ricette, condivisioni, video, immagini, curiosità e molto altro.

La sfida durerà 4 settimane. Al termine dell’ultima settimana, ci saranno i 4 sous chef più “amati” d’Italia che si sfideranno in una semifinale ad eliminazione perchè solamente 2 di loro potranno dimostrare il loro valore durante una gara in cucina, che si svolgerà il 12 Settembre alla Festa della Rete a Rimini!
Scopri qui come si svolgerà la sfida.

squadra-19

Questa è la settimana del nostro Sous Chef “Martino Longo”. A sostenerlo insieme a me ci sono:
– Alessandra del blog Ale Dolci Note
– Valentina del blog Eat Cook e Lovis
– Margherita del blog Le Petite Casserole
– Valentina del blog Profumo di Cannella e Cioccolato

Martino Longo

Martino Longo
sous chef del ristorante La Grande Limonaia, Gargnano (BS)

Martino Longo è nato a Feltre il 17 luglio 1980 e si può dire che le importanti esperienze che negli anni ha accantonato nelle grandi cucine parlino per lui, come quella fatta da Gellius a Oderzo, da Berasetegui in Spagna e a Parigi all’Hotel de Crillon e all’Atelier di Joel Robuchon. Con la passione per la cucina nel sangue, figlio d’arte grazie al papà cuoco, si definisce disponibile, introverso e sincero e del suo chef dice “Senza per forza compiacerlo a tutti i costi, mi impegno a seguire la sua linea con serietà, professionalità e puntualità”.

 

lefay2

La ricetta
Cheese cake ai limoni di Gargnano

Per conoscere meglio il nostro Sous Chef gli abbiamo fatto qualche domanda =)

D: Quanti anni avevi la prima volta che ti sei messo ai fornelli?
R: 14 anni, al Ristorante Malga Panna a Moena, un’esperienza che mi ha dato tanto. Si ricorderanno ancora il mio primo risotto per lo staff: stracotto era dir poco!

D: Quando e come è nata la tua passione per la cucina?
R: Mia mamma mi dice sempre che fin da piccolo giocavo con pentole e mestoli, facevo la pappa, sfogliavo i libri di cucina di mio papà.

D: Secondo te il lavoro di chef è solo per chi ha passione?
R: Sì. Lavorare in cucina tante ore al giorno, sotto pressione, con tanti sacrifici e rinunce non è facile. Serve passione per questo lavoro, tanta determinazione e perseveranza.

D: Qual è stato il tuo primo piatto di successo?
R: Rana pescatrice cotta nell’olio di olive nere con chips di riso” preparata più di 10 anni fa’.

D: Che cosa ti piace fare quando non cucini?
R: Passare del tempo con la mia famiglia: una passeggiata, un giro in bicicletta.

D: Cosa ti piace mangiare?
R: La lista sarebbe lunghissima… sono molto attratto dai prodotti che non conosco.

D: Chi può cucinare per te?
R: Tutti. Apprezzo l’impegno che le persone ci mettono a cucinare perché so cosa vuol dire. Sono più critico con me stesso che con gli altri.

D: Cosa ti diverte in cucina?
R: Provare nuovi piatti, rendere concreto ciò che prima era solo un’idea.

D: Cosa ami cucinare? Dolce o salato?
R: Anche se ho presentato un dessert per questo concorso, mi piace molto lavorare la carne.

D: Che cosa non deve mancare nella tua cucina?
R: L’aceto.

D: Chi è il tuo maestro? A chi ti ispiri?
R: Le persone dalle quali ho imparato di più sono senz’altro Alessandro Breda e Graziano Prest. Fonti di ispirazione sono sempre stati Marchesi e Ducasse, come credo per la maggior parte dei cuochi. Attualmente seguo con interesse Crippa.

D: Qual è la cucina regionale italiana che preferisci?
R: Ovviamente se parla il cuore dico Trentino: funghi, selvaggina e erbe spontanee… Apprezzo tanto anche la varietà della cucina veneta.

D: Che cosa vedi nel tuo futuro? Quali sono le tue ispirazioni?
R: La mia aspirazione a breve periodo è sicuramente quella di diventare chef di cucina in un’importante struttura.

D: Tre motivi per essere votato 😉
R: Perché faccio il mio lavoro con entusiasmo.
Perché ho presentato un dessert, ispirato alla Riviera dei limoni dove lavoro.
Perché a settembre mi piacerebbe andare a Rimini.

Grazie Martino, noi ti auguriamo di vincere il concorso e soprattutto di diventare un grande Chef.

Aiutateci a realizzare il suo e il nostro sogno. Per sostenerlo vi basterà condividere a questo link cliccando sui pulsanti social!
‪#‎TopSousChef2015‬
#‎ifoodit‬ ‪
#‎inalpi‬ ‪
#‎fdr15‬
#festadellarete

SalvaSalva

2 Comments

  • Audrey

    23 luglio 2015 at 16:42

    bella questa intervista, in bocca al lupo 😉
    bacione

    1. Miky

      5 agosto 2015 at 20:58

      Ciao tesorina, crepi il lupo!

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Previous Post Next Post