I culurgiònes

17 aprile 2015Miky

Culurgiones

Is “culurgiones”, (detti anche culurxionis o culurgiones o culingionis), sono dei ravioli fatti in casa tipici della mia amata Sardegna, un primo piatto particolarmente gustoso e delicato. La preparazione di questo piatto varia, a livello di ingredienti, a seconda della zona dell’Isola. La ricetta che vi propongo io ha le sue origini nella cucina della mia infanzia, e io ci sono particolarmente legata ♡

Culurgiones

5.0 from 1 reviews
I culurgiònes
Author: 
 
Per circa 140/150 ravioli
Ingredients
  • Per la pasta
  • 1 kg di farina
  • 6 uova
  • 1 pizzico di sale
  • 1 bicchiere di acqua tiepida
  • Per il ripieno
  • 1 kg di ricotta
  • 200 g di erbette
  • la scorza grattugiata di 1 arancia
  • la scorza grattugiata di 1 limone
  • 2 rossi d'uovo
  • 2 cucchiai di farina
  • 1 cucchiaio di zucchero
  • 1 pizzico di sale
Instructions
  1. Iniziate preparando il ripieno.
  2. Mondate le erbette, lavatele, fatele sbollentare, scolatele, asciugatele e tagliatele finemente.
  3. Lavorate la ricotta con una forchetta, aggiungete la scorza dell'arancia e del limone, le erbette e mescolate bene. Aggiungete i rossi d'uovo, la farina, lo zucchero e il sale. Amalgamate bene gli ingredienti.
  4. Preparate la pasta.
  5. Mettete la farina, le uova e il pizzico di sale nella ciotola del robot da cucina. Mescolate lentamente utilizzando la frusta piatta a velocità bassa fino a ottenere un impasto uniforme. Sostituite la frusta con il gancio e lavorate l'impasto fino a che non risulti omogeneo ed elastico. Lasciatelo riposare 10 minuti.
  6. Prendete la pasta, tagliatela in diversi "panetti" e con l'apposita macchina (o il matterello) tirate la sfoglia fino a circa uno/due millimetri di spessore. Ricordare che l'impasto non deve essere appiccicoso.
  7. Posate la striscia di pasta sul tavolo e mettete a intervalli di circa ⅔ cm delle palline di ripieno. Io ho usato la sacca a poche 😉
  8. Stendete un altra sfoglia di pasta e adagiatela delicatamente sopra quella con il ripieno.
  9. Chiudete la pasta avendo cura di far uscire l'aria.
  10. Ritagliate i ravioli con la rotella dentata.
  11. Ora non vi resta che farli sbollentare in abbondante acqua salata e servirli con un buon ragù e una spolverata abbondante di parmigiano.
Notes
Visto che il lavoro è abbastanza lungo io vi consiglio di farne sempre qualcuno in più e di congelarli =)

Culurgiones_1 Culurgiones_2 Culurgiones

14 Comments

  • Sonia

    17 aprile 2015 at 9:45

    un piatto bellissimo della nostra amata Sardegna Miki!!! Molto simili alla ricetta che si prepara a casa mia, ma noi li facciamo senza erbette, solo con ricotta e arancia!

    1. Miky

      9 maggio 2015 at 19:44

      Molto buona anche la vostra versione Sonia ?

  • Stefano

    17 aprile 2015 at 10:22

    Belissime foto e buona la pasta! Baci didi

    1. Miky

      9 maggio 2015 at 19:45

      Ti voglio bene tesoro ❤️

  • Audrey

    18 aprile 2015 at 17:05

    che brava!!! gnam gnam mi hai fatto venir fame
    Tesoro, sono anch’io su iFood migrazione effettuata. se ti va passa a visionare il nuovo blog ;D
    http://www.atelierdufantastique.ifood.it/
    bacione e buon fine settimana

    1. Miky

      9 maggio 2015 at 19:46

      Tesoro sono uno scandalo… Arrivoooooooo ?

  • Simona- Simo

    19 aprile 2015 at 9:47

    Miky tutto perfetto!!!! Un abbraccio

    1. Miky

      9 maggio 2015 at 19:47

      Grazie Simo. Un bacione

  • zia Consu

    19 aprile 2015 at 17:43

    Chissà quanti bellissimi ricordi hai legati a questo piatto 🙂 Grazie x averlo condiviso e dalle foto vedo che hai avuto anche un degno aiutante ^_*

    1. Miky

      9 maggio 2015 at 19:47

      Diciamo che l’aiutante faceva un po’ di pasticci ma io lo amo lo stesso ^_^
      Un bacione

  • gaia sera

    21 aprile 2015 at 17:43

    Troppo buoni. Io ho una casa a Santa Margherita di Pula, in provincia di Cagliari e quando andiamo li compro sempre nella versione patate, pecorino e menta. Certe scorpacciate e fosse solo il male di questi. Adoro il cibo sardo ed i dolci sardi, poi…. E di chi sono quelle manine che ti hanno dato una mano?

    1. Miky

      9 maggio 2015 at 19:49

      Ciao Gaia, anche la mia casa è in provincia di Cagliari. Possiamo organizzare un pranzo in Sardegna ^_^
      Le mani sono del mio adorabile nipotino.
      Un bacione

  • Pattipatti

    21 aprile 2015 at 17:53

    Mi piace la manina del tuo aiutante…. 😀 Che buoni che sono!!! Un bascione

    1. Miky

      9 maggio 2015 at 19:49

      Grazie dolce Patti.
      Un bacione

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Rate this recipe:  

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.

Previous Post Next Post