Allattamento al seno: la mia esperienza


L’allattamento al seno
, è, senza dubbio, una delle esperienze che più ho amato della maternità.

Ho allattato Nicolò per quindici mesi, e se non si fosse staccato lui, molto probabilmente sarei andata avanti ancora un po’.
Durante la gravidanza ero così preoccupata di arrivare al termine, che non pensavo a cosa sarebbe successo dopo il parto. Pensavo all’allattamento come a un processo naturale e non sentivo il bisogno di informarmi per come farlo al meglio. Una cosa però la sapevo, desideravo allattare, desideravo farlo, per costruire un legame speciale con il mio bambino e perché sapevo che il mio latte gli avrebbe fatto bene. Continue reading →

Ciambella al limone

merenda
I giorni scorrono improvvisamente lenti, il caldo è arrivato prepotente e con lui l’umidità che ti si appiccica addosso. Quanto odio questa stagione da passare senza una finestra vista mare. 

La mia estate ha bisogno di nuovi ricordi, di quelli che nascono sulla spiaggia e che profumano di salsedine.
Ho voglia di sentire la brezza marina sul viso. Continue reading →

Igiene orale nei bambini

Spazzolare dentiLo ammetto, ero assolutamente ignorante in materia, sottovalutavo il “problema” e ho iniziato a far lavare i denti a Nicolò abbastanza tardi (aveva circa 10 mesi).
Ignoravo che una corretta igiene orale è essenziale fin da quando i bambini sono piccoli e che può portare alla formazione di carie e gengiviti.
C’è chi dice che bisogna farlo intorno all’anno di età e chi si raccomanda di iniziare a curare l’igiene orale quando spunta il primo dentino.
Io ho iniziato a farlo appena sono stata “rimproverata” dalla pediatra 😅. Continue reading →

Plumcake alla banana e gocce di cioccolato

Banana bread
E’ domenica mattina. Siamo nel lettone ancora un pò assonnati. Nicolò, che si è appena svegliato, comincia a saltarci addosso. Vuole la sua dose mattutina di coccole, baci e abbracci.
Fuori il tempo è un pò incerto, ma noi decidiamo ugualmente di andare a fare colazione al lago. In meno di mezz’ora siamo tutti e tre pronti. Adoro uscire con i miei “uomini”.
Arriviamo in un posto molto carino e immerso nella natura.
Cappuccino e cornetto per entrambi. Nicolò che ha già fatto colazione a casa, pretende un pezzo di croissant =)
Continue reading →

Inconsapevolmente mamma canguro

Crescere dei figli ad alto contatto significa viziarli, oppure aiutarli a diventare autonomi e sicuri di sé?

bed-sharing

Sue Gerhardt (psicologa) diceva “Essere tenuto tra le braccia con amore è il più grande stimolo allo sviluppo… nelle braccia della madre o del padre, dove c’è calore si è al sicuro, i muscoli si rilassano ed il respiro si fa più profondo, nello stesso modo accarezzare dolcemente e cullare lievemente scioglie le tensioni. La frequenza cardiaca del bambino si sincronizza con quella della mamma: se lei è rilassata e in armonia, lo sarà anche il bambino. Il sistema nervoso autonomo della madre comunica con il sistema nervoso del bambino, calmandolo attraverso il tatto.” Continue reading →